Knipmode – il mio vestito per Natale

Come dicevo nel post precedente, subito prima di Natale ho acquistato un cartamodello da questo sito olandese. Il cartamodello mi è stato inviato in pdf subito dopo il pagamento.

A questo punto, sarebbe stata buona pratica fare una teletta di prova. Ma io odio cucire qualcosa che poi non indosserò e le telette di prova le faccio con tessuti molto, molto economici ma indossabili.
Ho quindi scelto un tessuto blu sintetico, molto fluido, simile nella caduta al tessuto che avevo già preso e con il quale intendevo fare poi il modello definitivo.

Assemblare il cartamodello dal pdf non è stato difficile, ho solo avuto bisogno di molto spazio.
Un volta ricavati tutti i pezzi le cose hanno cominciato ad esser più complicate: le istruzioni sono solo in olandese, lingua che per me è assolutamente incomprensibile!

Per fortuna esiste google traduttore!
Una volta tradotti i termini principali: dritto filo, cimosa, ripiegatura, ecc. non è stato difficile disporre i pezzi sulla stoffa.

Anche le istruzioni per cucire il capo sono in olandese e, pecca per me enorme di questo cartamodello, con pochissime immagini. Contavo infatti su queste per poter avere un’idea indicativa di come procedere, anche senza tradurre parola per parola.
Sinceramente, a questo punto io ho buttato le istruzioni e ho proceduto come mi pareva più logico: prima ho unito i due teli gonna davanti e i due teli gonna dietro, ho cucito i fianchetti laterali davanti al centro davanti e i due dietro. Poi ho cucito le spalle, ho unito le maniche, cucito i fianchi e infine gli orli.
Prima di procedere alla cuciture definitive ho imbastito tutto ill vestito e fatto una prima prova.
Incredibilmente l’abito non aveva bisogno di alcun aggiustamento! E questa per me è stata una piacevolossima sorpresa: con altri cartamodelli mi trovo sempre a dover fare delle piccole modifiche, sopratutto alle spalle e al dietro della gonna (che quasi sempre veste male e crea un orribile difetto: l’orlo dietro più corto del davanti).
Questo modello, invece, mi vestiva perfettamente. Sembrava fatto sulle mie misure!

Inoltre, la stoffa che avevo scelto era leggermente elasticizzata. Così ampliando leggermente lo scollo (io avevo scelto un semplice scollo tondo sia per il davanti sia per il dietro) ho potuto eliminare la zip nel centro dietro e fare un’unica cucitura.
Dalla prima prova, in mezza giornata avevo il vestito pronto per esser indossato.
Così, la mattina di Natale mi sono alzata un po’ prima, ho fatto l’orlo e per il pranzo con tutta la famiglia ho potuto sfoggiare il mio nuovo vestito blu:


Il dettaglio che mi piace di più sono i fianchetti. Questa stoffa confonde e non si vedono bene le cuciture, così le ho evidenziate in foto:


La gonna è ampia, a quattro teli, con una cucitura centrale davanti e dietro e due pieghe laterali:
003

Come dicevo, la stoffa che ho scelto, molto economica, è sintetica. Inevitabile quindi che camminando risalga. Avrei potuto foderare tutto l’abito, ma essendo una prova, ho preferito indossare sotto una sottoveste. Ma mi piace molto il dettaglio del pizzo:
004
Un po’ vintage ma adorabile!

Annunci

Dove trovare cartamodelli? La mia prima esperienza con Knipmode

Knipmode e chi l’hai mai sentito?
Quando si parla di cartamodelli vengono in mente i nomi di riviste quali burda, modellina, la mia boutique…
Per chi ha più dimestichezza con il web, magari anche alcune designers indipendenti.
Personalmente, però, ancora non avevo mai sentito parlare di knipmode, che ho scoperto grazie a un articolo su un blog di cucito in inglese:

http://curvysewingcollective.com/my-year-with-knipmode-part-one/

http://curvysewingcollective.com/my-year-with-knipmode-part-two/

Per farla breve, knipmode è l’equivalente di burda ma olandese!
Letto l’articolo ho deciso di provarlo e concordo più o meno con tutto quello che è stato scritto.
Vi riporto comunque le mie impressioni.

La varietà di taglie è sicuramente tra i pregi di questi cartamodelli. Infatti i pattern arrivano fino alla 60 italiana, ovvero dalla 34 alla 54 olandesi. Ricordatevi che per convertire la taglia olandese nella corrispondente taglia italiana, dovete aggiungere +6, secondo questo schema:

taglia olandese taglia italiana
34 40
36 42
38 44
40 46
42 48
44 50
46 52
48 54
50 56
52 58
54 60

I cartamodelli sono disponibili sia in cartaceo sia in pdf, così come su Burda (faccio riferimento sempre a lui, essendo il più famoso, conosciuto anche da chi non ha mai preso in mano un ago! )

Io ho scelto la seconda modalità, non so dirvi quindi niente in merito, per esempio, a tempi di spedizione, dogana, ecc.
Se qualcuna di voi prova, mi faccia sapere nei commenti!
I prezzi sono in linea con quelli di altri siti simili.

Considerato che il modello in pdf poi avrei dovuto assemblarlo e che avevo letto che le istruzioni sono solo in olandese (e questo sicuramente è un difetto: avere le istruzioni almeno anche in inglese faciliterebbe di molto sartine di altre nazionalità), ho scelto un modello che fosse simile ad altri già cuciti per non trovarmi in eccessiva difficoltà:

https://knipmode.nl/shop/patronen/jurk-48/

Il pdf è diventato disponibile praticamente appena effettuato il pagamento.

La prima sorpresa positiva è stato che il cartamodello inviatomi conteneva diverse opzioni di personalizzazione dell’abito: non so se nella descrizione era riportato, io mi ero basata solo sulle foto. Invece l’abito può esser personalizzato con tipologie di gonna e di corpino diverse:
la gonna può esser:

  1. svasata con le due pieghe come quella della foto
  2. svasata con le due pieghe come quella della foto ma più lunga
  3. a tubino sopra il ginocchio
  4. a tubino longuette

il corpino ha diverse tipologie di scollo:

  1. davanti e dietro accollati
  2. davanti accollato, dietro scollato come nella seconda foto
  3. davanti a V

Le maniche possono esserci, con due lunghezze diverse…
Insomma, c’è la possibilità di diverse personalizzazioni!
(immagini tratte dal web)

Non era il primo cartamodello in pdf che assemblavo e non ho trovato particolari difficoltà.
Comunque sul sito, alla fine della pagina, si trovano le istruzioni di assemblaggio dei pdf (cercate la scritta PDF instructies) . Pur non capendo le descrizioni, le molte immagini rendono chiaro e intuitivo come procedere.

Da segnalare solo la necessità di avere un piano dove lavorare molto ampio: tenete conto che sarà molto facile dobbiate spostare tavoli, divani, ecc. e lavorare sul pavimento! Questo proprio perchè ci sono tante opzioni di personalizzazione.
Ho trovato utile che all’inizio delle istruzioni ci fosse lo schema di come sono posizionati i vari fogli, numerati, e quale parte del cartamodello riportassero: con un po’ di immaginazione e di attenzione, si può evitare di stampare e assemblare i fogli che riportano una delle opzioni di personalizzazione che non interessano. Nel mio caso, per esempio, non ho assemblato i fogli con le due gonne a tubino, essendo un modello di gonna non adatto al mio fisico e che, quindi, difficilmente cucirò!

Alla fine ho deciso di cucire un abito con scollo rotondo, sia davanti sia dietro, gonna svasata e maniche a 3/4.

Nel prossimo post vi farò vedere il risultato e vi dirò le mie impressioni!